Premio Galeno Cantamessa 2018: proclamati i vincitori

Chi sono i vincitori e i finalisti di questa edizione del Premio?

Il consiglio di amministrazione di Cassa Galeno ha individuato i nomi dei dieci finalisti, e tra questi, dei tre vincitori delle borse di studio “Eleonora Cantamessa” del valore di 4.000 euro ciascuna.
Anche per questa edizione sono state davvero molte le candidature che sono state presentate da parte di giovani medici.
Noi di Cassa Galeno desideriamo ringraziare tutti i candidati che hanno condiviso con noi le loro speranze, i loro obiettivi e progetti futuri.

I vincitori

Flavia Alberghina tra i vincitori del Premio Cantamessa 2018Flavia Alberghina 

Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Catania

Progetto:

International Fellowship in ortopedia pediatrica presso il Beit Cure International Hospital di Blantyre, Malawi. Il programma, della durata di 6 mesi, permette di approfondire, attraverso la pratica clinica e un progetto di ricerca, le conoscenze nell’ambito dell’ortopedia pediatrica in un contesto che unisce l’elevato livello di cura alla cooperazione sanitaria internazionale. Il centro si avvale di principi di diagnosi e trattamento all’avanguardia, tali da renderlo la più importante struttura specialistica totalmente dedicata alla cura e alla prevenzione della disabilità infantile in tutto il sud-est africano.


Sofia Pia Di Noia  

Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Foggia

Progetto:

Il progetto mira alla formazione del personale sanitario che opera nell’ospedale pediatrico di Kimbondo (Congo), rispetto alla presa in carico dei pazienti con epilessia. Con la borsa, la candidata potrà programmare un soggiorno più lungo e prestarsi come tutor stabile nel percorso di professione pratica di un medico specializzando in neurologia presente sul territorio. Inoltre, parte della borsa verrebbe devoluta all’acquisto di reattivi per l’esecuzione degli esami ematici, materiale utile in loco e farmaci antiepilettici.


Tommaso Manciulli tra i vincitori del Premio Cantamessa 2018

Tommaso Manciulli

Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Pavia

Progetto:

Valutare la prevalenza di echinococcosi cistica dello stato di Assam, India del Nord: un sondaggio sul campo basato sugli ultrasuoni. Obiettivi dello studio sono generare dati sulla prevalenza di echinoccosi cistica e promuovere la consapevolezza della comunità medica locale su questa malattia e le relative implicazioni per la salute pubblica e validare test sierologici rapidi per il rilevamento di E. granulosus sui pazienti e verificarne le prestazioni sul campo.


I finalisti

Dopo i vincitori, vi presentiamo i sette finalisti che riceveranno come riconoscimento della validità del proprio progetto una medaglia d’oro in occasione della cerimonia di premiazione.

Benito Chiofalo, finalista Premio Cantamessa 2018Benito Chiofalo

Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Messina

Progetto:

Investigare la produzione di mediatori lipidici pro-infiammatori e pro-risolventi nei tumori ovarici, nella controparte non-tumorale e nel fluido peritoneale di pazienti con tumori ovarici epiteliali, e si correlano i diversi fenotipi di Macs, con il profilo di LMs misurato nel tumore. L’obiettivo è identificare la regolazione di produzione di LMs nei tumori ovarici come base per future possibili strategie terapeutiche.


Giacomo Crotti, finalista Premio Cantamessa 2018

Giacomo Crotti 

Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Milano

Progetto:

Internship presso l’ufficio WHO di Bonn (Germania), centro di riferimento europeo per le tematiche ambientali per lo studio del nesso ambiente/salute. Il candidato sarà assegnato, in particolare, al gruppo di lavoro che si occupa della programmazione e diffusione del software AirQ+, dedicato a policy maker e ricercatori nel campo dell’epidemiologia ambientale e utile per le stime di impatto sulla salute dell’inquinamento atmosferico.


Camilla Muccini, finalista Premio Cantamessa 2018Camilla Muccini 

Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Milano

Progetto:

Prendere parte agli studi di interruzione terapeutica nei pazienti con infezione acuta da HIV presso il Thai Red Cross AIDS research Centre di Bangkok, a cui si associa l’introduzione di nuove strategie di intervento. Questi studi permettono di muovere passi verso la cura funzionale di HIV.
 


Giulia Muscettola, finalista Premio Cantamessa 2018Giulia Muscettola 

Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Milano

Progetto:

Corso presso la Fetal Medicine di Londra. Il progetto è di 18-24 mesi. Il corso permette di ottenere licenze per ecografie ostetriche e procedure invasive come villo e amniocentesi e assistere personale strutturato in interventi di chirurgia fetale. Al termine del corso, dopo aver superato un esame finale, la candidata potrà ottenere il diploma in Fetal Medicine.



Corinna Pancheri, finalista Premio Cantamessa 2018Corinna Pancheri 

Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Roma

Progetto:

Valutazione della specificità del disagio psicologico in un gruppo ambulatoriale di pazienti migranti richiedenti asilo e migranti economici: uno studio caso-controllo di confronto con pazienti nativi. Approfondimento sulle complesse manifestazioni della sofferenza psichica dei migranti. Obiettivo dello studio è valutare sistematicamente e quantificare la prevalenza, l’entità, la gravità e le specificità psicopatologiche della sofferenza psichica di questi pazienti.


Monica Piedimonte, finalista Premio Cantamessa 2018Monica Piedimonte 

Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Campobasso

Progetto:

Obiettivo del progetto è di valutare il ruolo prognostico e clinico/traslazionale del profilo trascrizionale, proteomico e metabolico nella LAM alla diagnosi. Lo scopo è di ottenere nuove informazioni sulla caratterizzazione e patogenesi della LAM; ampliare la stratificazione dei pazienti in sottoclassi di rischio per la prognosi e per il trattamento, basate sulla identificazione di alterazioni dell’espressioni di specifici miRNA; far luce sui meccanismi di resistenza al fine di disegnare terapie efficaci in grado di prevenire la resistenza; validare in vitro l’efficacia di nuovi inibitori in fase avanzata di sperimentazione.


Filippo Pistolesi 

Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Pisa

Progetto:

Il suo progetto prevede la frequentazione di tre corsi presso la Liverpool school of tropical medicine finalizzati a migliorare le competenze nell’ambito della riduzione della mortalità materna e neonatale, la prevenzione e gestione delle principali malattie di interesse pediatrico e l’epidemiologia dei disturbi nutrizionali nei paesi in via di sviluppo.

Il nostro sito utilizza i cookie. Per conoscere nel dettaglio i cookie presenti e come disattivarli leggi la nostra informativa sull'uso dei cookies
Per fruire del sito clicca su 'Accetto'.