Nuova convenzione previdenza medici

Attualmente all’interno del “salvadanaio di Galeno” sono presenti due soluzioni collettive previdenziali: quella sottoscritta dai soci e/o dai loro familiari prima del 31 dicembre 2000 (già denominata vecchia fiscalità) e/o quella sottoscritta successivamente al 1 gennaio 2001 (già denominata nuova fiscalità).

Entrambe queste soluzioni scadranno il 31 dicembre 2020. Per questo, Cassa Galeno si è attivata già dalla scorsa primavera per negoziare con la compagnia assicurativa Unipol-SAI il rinnovo delle convenzioni, uniformandole in un’unica collettiva che avrà effetto il 1° gennaio 2021 e scadenza 31 dicembre 2023.

Nonostante gli attuali scenari macroeconomici abbiano ridotto le aspettative di rendimento dei risparmiatori nel breve e nel medio periodo e limitato le garanzie finanziarie sui risparmi accumulati nel tempo, la trattativa portata avanti di Galeno ha consentito di conservare gran parte dei vantaggi presenti nelle precedenti collettive previdenziali.

Queste le caratteristiche tecniche del nuovo prodotto:

Tipologia

Forma di risparmio assicurativo/previdenziale di tipo misto a premi unici con rivalutazione del capitale collegato alla gestione separata Fondicoll di UnipoSai.

Obiettivi

Il prodotto prevede l’investimento in premi unici annuali (rateizzati mensilmente) con l’obiettivo di ottenere un rendimento in linea con il profilo di rischio adottato.

Durata della nuova convenzione

La decorrenza e la scadenza della nuova convenzione sono fissate rispettivamente all’1 gennaio 2021 e al 31 dicembre 2023 (tre anni), rinnovabile tacitamente di anno in anno in mancanza di disdetta da una delle due parti (Galeno – Unipol Sai).

Profilo di rischio/capitale minimo garantito

Il prodotto prevede tecniche gestionali di protezione delle somme investite che mirano a minimizzare le possibilità di perdite, con l’obiettivo di fornire nel momento dell’affrancazione (accesso al piano 100 anni) un importo almeno pari alla somma di tutti i premi annui versati al netto dei caricamenti. Viene pertanto catalogato tra i prodotti a “basso” rischio.

Impianto dei costi

Rimane sostanzialmente invariato rispetto alle precedenti versioni (confermandosi tra i più bassi del mercato per prodotti analoghi): si riducono infatti i caricamenti dal 2,5% al 2% mentre aumentano le spese di gestione dallo 0,5% allo 0,9%.

Aspettative di rendimento

La gestione separata Fondicoll è governata secondo una politica di investimento prudente orientata per lo più verso titoli mobiliari di tipo obbligazionario e si pone l’obiettivo di massimizzare il rendimento nel medio/lungo termine mantenendo costantemente un basso livello di rischiosità del portafoglio e perseguendo la stabilità dei rendimenti nel corso del tempo. Allo stato attuale è pertanto ipotizzabile prevedere che per tutta la durata della nuova convenzione (tre anni) il rendimento finanziario atteso dalla gestione separata Fondicoll – al lordo delle commissioni di gestione – si possa attestare in un range compreso tra il 2,5% e il 3% annuo.

Riscatto

Non vengono apportate modifiche rispetto alle precedenti convenzioni né riguardo all’istituto delle anticipazione né del riscatto speciale. Nel primo caso (anticipazioni) è consentito riscattare un importo fino ad un massimo del 90% di quanto maturato sulla posizione individuale trascorsi almeno 5 anni dall’inizio dei versamenti previdenziali, nel secondo caso è prevista la liquidazione totale di quanto maturato sulla posizione individuale in caso di perdita dei requisiti associativi.

Affrancazione

In qualsiasi momento nel caso di perdita dei requisiti associativi (riscatto speciale) ovvero contestualmente all’ingresso nel piano 100 anni (vedi art. 8 norme generali nel regolamento della Cassa).

Opzioni all’affrancazione

Come nelle precedenti convenzioni è possibile richiedere la liquidazione del capitale, ovvero in alternativa richiedere l’erogazione di una rendita vitalizia e rivalutabile, ovvero come terza ipotesi differire il capitale senza alcun vincolo temporale per l’ottenimento delle prestazioni previste sia sotto forma di capitale che di rendita.

Rendita reversibile/rendita certa

I soci/familiari assicurati che opteranno per l’erogazione della rendita potranno richiedere la reversibilità della stessa ad altra persona nella misura del 50%, ovvero del 75%, ovvero del 100%. Potranno altresì richiedere che la rendita stessa (nel caso di premorienza del beneficiario) sia erogata comunque per un minimo di 5 o di 10 anni.

Regime fiscale

Durante la fase contributiva I premi versati nel salvadanaio non sono deducibili né detraibili. Alla scadenza il capitale liquidabile sarà esente da imposte, imposte che verranno viceversa calcolate sulla sola quota interessi (plusvalenze finanziarie) con una modalità agevolata (prevalentemente al 12,5%). La Compagnia stessa provvederà – come sostituto di imposta – al pagamento del tributo. I capitali liquidati in caso di morte dell’assicurato (socio o familiare) sono esenti dalle imposte di successione.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di profilazione anche di terze parti, per migliorare e personalizzare la navigazione, i contenuti ed i messaggi pubblicitari dell'utente e fornire le funzioni dei social media. Se vuoi leggere l'informativa completa sui cookie o disabilitarli clicca QUI leggi la nostra informativa sull'uso dei cookies. Cliccando sul pulsante ACCETTO I COOKIE o proseguendo la navigazione presti il consenso all'utilizzo dei cookie